Skip to content

About

La “Città Sonora” è un format d’azione musicale e narrativa improvvisa, che per finestre temporali variabili s’infiltra nei tessuti urbani, innescando un corto circuito virtuoso fra arte e vita, ancor oggi e forse più di ieri capace di lanciare ipotesi di futuro pratico e strategico.

La prima tappa, il progetto pilota, è stato a Scicli (Ragusa), patrocinato dal Rotary di Modica e dallo stesso Comune di Scicli; il 9 agosto 2020, dalle 20:00 alle 24:00, la città traboccava di espressione gioiosa, una festa collettiva di arti varie che ha visto la partecipazione di più di 100 fra performer e coordinatori. 

Il format ha per scopo l’emersione orizzontale, quotidiana, orchestrata e casuale, non sempre spettacolare ma ogni volta sorprendente, dei valori artistici delle città e delle genti che le abitano, rendendo evidente la potenza solidale della condivisione simbolica (la sfera dell’arte), calata nella trama della vita pratica.

Bellezza e memoria scaturiscono dall’azione congiunta di decine di performer coi cittadini, le loro case, i loro cortili, i turisti, le attività commerciali. 

Spettatori, autori, artisti, tutti-in-azione, tutti coinvolti nel gioco della vita espressiva, l’unica vita che per natura attraversa il tempo, la storia, e mantiene la promessa più profonda: la salvezza, come la bellezza, sono la materia del presente dinamico. 

Le tracce che la vita d’arte, ad ogni livello di complessità, può lasciare nel tempo della alta digitalizzazione dei rapporti umani, sono paragonabili ai monumenti e alle architetture di ieri…